L’Intensivo sul Risveglio di Chi sei Tu

Ogni persona è sempre uscita dall’Intensivo con un senso di profonda gratitudine e un importante cambiamento che ha finalmente trasformato la percezione di se stesso e della vita.

L’Intensivo sul Risveglio di Chi sei Tu, è un Ritiro di Auto-indagine, di più giorni, solitamente tre, ma ci sono formati da due e anche da cinque, sette, dieci, quattordici o ventuno giorni.
Si basa sulla ricerca intensiva sul Koan (domanda di Illuminazione) CHI SONO IO?
Ti viene insegnato ad indagare su questa domanda per trascendere il pensiero e realizzare il Sè. Si tratta di una esperienza profonda che ha la forza di cambiare la tua vita. Scoprire chi realmente sei, non ha nulla a che fare con il ragionare su te stesso o raccontare chi sei stato e chi vorresti diventare. Ogni percezione di questo tipo rimane nel mondo pensato, mentre il Sè trascende queste categorie. Di fatto, l’unico modo per realizzare chi sei tu, è realizzare il Sè.

Nell’Intensivo si impara a radicarsi nel presente per cogliere il soggetto che sperimenta la vita stessa. Questo accade portando la contemplazione a livelli sempre più profondi e in ogni attività. Ad esempio mentre si mangia, si indaga su “CHI STA MANGIANDO?”. Mentre si passeggia nel bosco ci si cerca “CHI STA CAMMINANDO?” e mentre ci si chiede “CHI FA QUESTE COSE?” si impara a cercare “CHI SI FA QUESTA DOMANDA?” . Il Koan viene portato ai massimi livelli di contemplazione, cosa difficile da fare nella vita di tutti giorni con tutte le distrazioni che ci sono.

Questo tipo di ricerca ha origine dalla corrente Advaita-Vedanta (via della non dualità), di cui il Maestro più noto è stato Ramana Maharishi, vissuto in India  tra il 30 dicembre 1879 e il 14 aprile 1950.

La domanda inizialmente rimane mentale, ma dopo un giorno di pratica, dal mentale si passa al sentire e da questo all’Essere. Il Risveglio del Sè accade nel momento in cui le fluttuazioni mentali e percettive e la dualità fra soggetto e oggetto, cadono. Si realizza così una condizione di totale Unità in cui non vi è più alcuna separazione con la propria vera natura. L’esperienza è talmente intensa e bella da ricolmare il ricercatore di beatitudine e amore senza limiti. Il dolore portato per tutta una vita, in quel momento si dissolve totalmente e si sperimenta la sua illusorietà.

Cosa succede dopo il Risveglio?
Dopo il Risveglio la mente torna, ma le cose non sono più le stesse di prima. Anche se la mente continua ad assalire il ricercatore con ricordi, dubbi, paure, sentimenti avversi riguardo la vita, le relazioni o le proprie conquiste interiori, rimane una coscienza risvegliata e testimone di tutto questo. Tale coscienza acquisita è la consapevolezza di Sè, in cui non c’è vacillare, non c’è nulla se non la pura essenza di se stessi.

Chi può partecipare ad un Intensivo sul Risveglio?
Solitamente partecipano all’Intensivo sul Risveglio di Chi sei Tu, persone di ogni tipo: dal ricercatore veterano, alla persona che per la prima volta vuole fare qualcosa per ritrovarsi. Il metodo insegnato sull’Auto-indagine è adatto a tutti e non richiede alcuna preparazione o esperienza precedente di meditazione. Ciò che si scopre è il proprio Sè, ossia la propria vera identità, ma senza che ci sia la mente o una qualche idea, paura, colpa o immagine a definirla. In altri termini si sperimenta la vera libertà.

L’Intensivo appartiene a qualche via spirituale?
Il metodo dell’Intensivo è diretto. Nessuno ti impartisce un qualche trattamento o iniziazione o sostanza. La ricerca è personale e autentica. Ognuno con i propri tempi.
L’Intensivo sul Risveglio di Chi sei Tu non appartiene ad lacuna religione, setta o via spirituale specifica. E’ universale e scientifico: indagando su chi sei tu arrivi alla sorgente di te stesso.

L’Intensivo può aiutarti a risolvere i tuoi problemi?
Il percorso interiore che fai per Risvegliarti e quindi per ritrovarti, va a sciogliere e trasformare molti blocchi interiori, dolori, problemi, limiti. Diventa una guarigione senza eguali. Un tornare alla Luce e riemergere da anni e anni di confusioni, illusioni e delusioni.

Tutti raggiungono il Risveglio?
Non tutti raggiungono l’Unione, ma tutti e dico tutti, sperimentano una profonda pace e armonia con se stessi e con la vita. La capacità di relazionarsi con se stessi e con gli altri, si eleva fortemente. Chi realizza il Sè porta a casa una consapevolezza eterna e meravigliosa che dona qualcosa di straordinario per il resto della vita. Non c’è una regola fissa su chi riesce o chi non riesce a Risvegliarsi, molto dipende dal grado di fiducia che aumenta durante le pratiche e molto dipende anche dal grado di identificazione che il ricercatore ha con la propria mente. Nel corso di questi ultimi venti anni di Intensivi ho aiutato moltissime persone a fare questo passaggio e anche le menti più forti hanno trovato pace e trascendenza.

Quali sono le attività che si fanno in un Intensivo?
La base di ogni attività è l’Auto-indagine sulla domanda Koan CHI SONO IO?
Il programma parte dal mattino, fino alla sera tardi, per tutta la durata del Ritiro. L’auto-indagine diventa sempre più naturale e continua in ogni attività, fino ad agire anche durante la notte e nei sogni.
Le attività principali sono:
Diadi (auto-indagine a coppie)
Meditazioni nella natura (auto-indagine durante le passeggiate)
Meditazione durante i pasti (auto-indagine mentre si mangia)
Danze catartiche (momenti intensi di liberazione energetica)
Yoga (attività per principianti e avanzati in cui viene insegnato come sbloccare e liberare le energie trattenute nel corpo, nelle emozioni e nella mente)
Meditazioni individuali (momenti di immersone attraverso la Meditazione guidata)
In tutto il Ritiro viene mantenuto un silenzio attivo, nel senso che si pratica il silenzio per scendere sempre più profondamente nell’Auto-indagine e creare così un sempre maggiore discernimento fra mente e verità. Durante le Diadi (auto-indagine a coppie), si ha la possibilità di comunicare, esternare e condividere ciò che si sta vivendo, i propri blocchi e le proprie realizzazioni.

Quali regole si seguono in un Intensivo?
Nel Ritiro si invita i partecipanti a spegnere i cellulari (si può usare il cellulare in casi di bisogno, ad esempio lavoro e famiglia), a lasciare l’orologio in valigia e a non fare uso di fumo o droghe, per donare a se stessi ogni attimo del corso e una profonda guarigione spirituale. Il cibo è preparato con cura e attenzioni amorevoli. Viene seguita una dieta vegetariana (quasi vegana ad eccezione di alcuni casi in cui ci può essere qualche latticinio). I partecipanti quando si iscrivono possono segnalare eventuali allergie o scelte alimentari particolari e l’organizzazione farà il possibile per accontentare tali richieste, dove questo è possibile. Viene rispettato il silenzio attivo, Assia la costante Auto-indagine sul Koan “Chi sono io?”

L’orario giornaliero di un Intensivo è appunto molto intenso. Ci si sveglia alle 7:00 e ad ogni ora vengono praticate diverse attività tutte rivolte al Risveglio del Sè: Diadi, danze catartiche, yoga adatto a tutti, meditazioni, passeggiate meditative, discorsi di consapevolezza, condivisioni. La ricerca sulla domanda interiore “CHI SONO IO?” è il fulcro di tutto. Alle 23:30 circa ci si corica.

Cosa differenzia l’Intensivo sul Risveglio di Chi sei Tu, da altri Intensivi simili?
Molti conoscono l’Intensivo di Illuminazione o altri metodi simili. Il mio metodo nasce da li, proprio perché sono stato diretto allievo di Charles Berner (Yogeshwar Munì), il creatore di questo strumento. Tuttavia nel corso di molti anni di esperienza ho apportato importanti cambiamenti alla struttura del corso. Ho dato importanza all’energia trattenuta nel corpo, così ho inserito nell’Intensivo le mie conoscenze esperienziali riguardo il prana, il risveglio dell’energia e il processo della resa. Questo ha reso l’Intensivo molto più potente e liberatorio.

Cosa rende speciale e esclusivo l’Intensivo sul Risveglio di Chi sei Tu
L’obbiettivo principale è sempre il Risveglio della consapevolezza del Sè, ma questo è il primo passo da raggiungere. Una particolare attenzione l’ho portata all’integrazione. Cosa è l’integrazione? Immagina di realizzare il Sè, anche solo per un istante. Questo può accadere con molti sistemi: dalla meditazione classica, fino a altri espedienti come le meditazioni attive, tecniche di purificazione mentale, cantando canti sacri, aprendo il cuore, arrendendosi ad un Guru. Ci sono davvero infiniti modi per Risvegliare il Sè, può accadere anche guidando l’auto o passeggiando sulla spiaggia. Non c’è un momento in cui il Risveglio non possa accadere. Quello che ho notato è che tutte queste esperienze rimangono un ricordo. Il ricordo di aver vissuto qualcosa di particolarmente bello mentre facevi quella cosa ecc. Alla mia domanda: quindi, CHI SEI TU? Il 99% dei ricercatori rimangono ammutoliti e non hanno una completa comprensione di questo aspetto così fondamentale. Il risultato è che il Risveglio non può essere applicato alla vita e non ne rimane niente nel presente. L’integrazione è tutto il lavoro che viene fatto dopo l’esperienza e serve per REALIZZARE, accogliere, integrare, incarnare CHI SEI. In altre parole, se in un determinato momento della tua ricerca, durante l’Auto-indagine, la mente si spegne e la dualità cade, tutto si fa UNO e sei nella beatitudine totale; se non fai un certo tipo di lavoro per accettare la Verità di chi tu sei, quella consapevolezza verrà nuovamente manipolata e offuscata dalla mente. Qui entra la parte più importante della mia esperienza e la preziosità dell’Intensivo sul Risveglio di Chi sei Tu. E’ qui che il potere di questo strumento arriva in tuo aiuto. Integrare il Risveglio significa comprendere, realizzare, accogliere, capire fino in fondo CHI VERAMENTE SEI. Il risultato è che la consapevolezza del Sè rimane per sempre.

Posso farcela da solo?
Sono molti i ricercatori che si cimentano nella meditazione a casa propria. Se dopo un mese di pratica costante non si è realizzato il Sè, significa che ci sono dei passaggi che non si riesce a fare da soli. A questo punto è ostinazione e spesso l’ostinazione ha due facce: la prima è positiva e è autodeterminazione, la seconda è l’orgoglio che impedisce di chiedere aiuto. Perché? Ci possono essere molti motivi, ma quello che vedo più spesso è la paura di crescere veramente. L’aiuto ci permette di accelerare, di integrarci alla vita e di crescere e nei rapporti con gli altri.

Ho paura di fare un Intensivo
Le paure sono sempre quelle: ho paura di cambiare qualcosa, ho paura di scoprire che non va bene quello che faccio nella vita, ho paura di scoprire qualcosa che non mi piace, ho paura di non farcela e altre simili a queste. Posso dirti che è assolutamente umano avere queste paure, ma che hai anche tutto il supporto e le capacità di andare attraverso queste percezioni, perché è di percezioni che stiamo parlando. Sotto queste paure, appena un passo al di là di tutto questo c’è qualcosa di meraviglioso che ti rende libero. Se capisci che fare questo passo è importante PER TE, allora ben salito a bordo.

Mediti e hai raggiunto uno spazio vuoto ma non sai come procedere?
La maggior parte dei ricercatori autonomi, si ferma nel vuoto interiore o nello stato di osservatore. Questi spazi sono situazioni spesso alienanti perché tendono ad allontanare il ricercatore dalla vita e dai rapporti. Un senso di distacco vuoto porta ad una percezione di non senso e di assenza di connessione con l’esistenza. Questa situazione, se ben compresa, è una conquista dal punto di vista del processo di Risveglio, ma il salto che permette la realizzazione del Sè, rimane lo spazio da colmare per conoscere la Verità. L’Intensivo ti permette di comprendere come fare questo passaggio e soprattutto trovi il contesto ideale e tutto il sostegno per farlo. Una volta raggiunta questa realizzazione inizia il secondo passo: l’integrazione di cui ho parlato prima.

Il Dokusan
Il Dokusan (termine Zen) è lo scambio diretto e individuale con la Guida. Nell’Intensivo hai la possibilità costante di farti seguire da me. Questo ha un valore inestimabile. Non perché io sia migliore di te o di altri, ma per il semplice fatto che so esattamente dove ti sto accompagnando e come farlo. La mia esperienza è molto vasta e ho aiutato migliaia di Ricercatori, dai più motivati, a quelli più ostili. Il Dokusan è solo una parte del mio aiuto. Il resto accade durante gli esercizi, di Auto-indagine, dove sono sempre presente per sostenerti nel tuo processo. Ogni piccolo passaggio interiore diventa visibile, possibile e una grande conquista per te. Il Dokusan rimane uno dei momenti più profondi e intensi perché si concentra nel nostro scambio individuale e quindi nella possibilità di fare chiarezza dentro di te, risolvere dei blocchi, delle resistenze, apprendere ancora meglio la pratica, fino a prendere e accettare completamente la Verità di chi sei: un amore e un silenzio senza confini.

Costi, sistemazioni e iscrizioni
L’Intensivo si svolge sempre in strutture lontane da centri abitati e nella natura silenziosa e accogliente, in delle location meravigliose e adatte a questo tipo di ricerca. Le strutture offrono la possibilità di alloggiare in stanze singole o multiple, così ogni partecipante può trovare la sua sistemazione ideale. I costi di pernottamento e cibo sono separati dal costo del corso. L’iscrizione va effettuata tramite il formato apposito che si trova sempre nella pagina dell’evento, oppure si può richiedere il pagamento tramite bonifico chiamando il 3924962694 (anche via WhatsApp) oppure scrivendo alla casella di posta info@harihar.it . Se una persona ha problemi economici può richiedere uno sconto.

Uno strumento Olistico
L’Intensivo e tutto il mio lavoro è Olistico. Come professionista sono un Operatore Olistico livello Trainer certificato da SIAF ITALIA. In quanto tale, ogni cosa che fai con me non sostituisce in alcun modo una terapia medica, psichiatrica o psicologica. Per le persone che prendono farmaci per ragioni psichiatriche è consigliabile prima un contatto telefonico con me per un colloquio personale.

Quando sono pronto per un Intensivo?
Quando senti la chiamata, quando vuoi ritrovarti, e questo può essere sempre, sia in un periodo in cui ti senti bene, sia quando sei talmente incasinato nei problemi da non vedere via di uscita. L’Intensivo aiuta tutti. Il primo Intensivo a cui ho partecipato avevo molti problemi da risolvere. E’ stato rivelatori e risolutivo. Ho trovato, non solo un modo per sciogliere un sacco di cose difficili, ma anche una via chiara per il Risveglio del Sè.

LINK UTILI
Contatti
I prossimi corsi
La mia pagina Facebook
Il mio canale Youtube

Chi sono io?
Il mio nome di battesimo è Pier Gunter Leone. Quello che è accaduto a me è quello che sta succedendo anche a te: ho sofferto, ho pianto, sono scappato, ho avuto paura, ho cercato la felicità, ma non l’ho trovata. Allora ho rivolto lo sguardo dentro e ho cercato ancora, con tutte le mie forze, CHI SONO IO. Mi sono cercato nella natura, nelle percezioni, nell’amore umano, nel successo e nell’insuccesso, nelle terapie, nella droga, nei maestri, nei sogni, nelle relazioni, nei genitori, nei corsi….. poi un giorno ho capito, ho compreso che tutte queste cose non potevano darmi la risposta che cercavo.
Così, mentre passeggiavo nel bosco, un meraviglioso giorno della mia vita, in un istante senza tempo, mi sono Risvegliato e tutto è cambiato per sempre.

Ho studiato l’Intensivo per venti anni. Sono stato allievo diretto di Charles Berner e Rajarshi Muni. L’esperienza che ho maturato mi ha portato a creare l’Intensivo sul Risveglio di Chi Sei Tu e altri strumenti potenti e evolutivamente impareggiabili. Ho trovato in questo il mio modo di servire il mondo con gratitudine.
Harihar